Parco San Bartolo, il percorso.

Oggi vi presentiamo il favoloso percorso di 5 km che percorreremo il 5 maggio al Parco San Bartolo. La durata sarà più o meno di 1h15′. Un percorso adatto anche a bimbi piccoli e famiglie con passeggini.

PARTIREMO DALL’AREA ARCHEOLOGICA DEL COLOMBARONE. LA PARTENZA È FISSATA PER LE 09.30
QUESTO È LO SPAZIO VERDE IN CUI BAMBINI E GENITORI POTRANNO GODERE DI UN PO DI RELAX.
SOTTO QUESTI STAND CI SARÀ LA DISTRIBUZIONE DEI PACCHI GARA (PER CHI ANCORA NON L’AVESSE RICEVUTO A SCUOLA) E SARÀ ORGANIZZATO IL PUNTO RISTORO.
PARTIREMO IMBOCCANDO STRADA DEL COLOMBARONE CHE SI TROVA PROPRIO DI FRONTE ALL’ AREA ARCHEOLOGICA.
POCHE CENTINAIA DI METRI DOPO IMBOCCHEREMO STRADA PANORAMICA SP44. SOLO 100 METRI CHE CI PORTERANNO ALL’INTERNO DI UNA FAVOLOSA AREA BOSCHIVA.
UNA VOLTA ABBANDONATA STRADA PANORAMICA CI TROVEREMO SU STRADA DELLA VALLUGOLA: UN COMODO PERCORSO STERRATO CON VISTA SUL CASTELLO DI GRANAROLA.
CI ADDENTREREMO ALL’INTERNO DI TRANQUILLISSIMA UN’AREA BOSCHIVA. UN PERCORSO PIANEGGIANTE IMMERSO NELLA NATURA.
A METÀ DI VIA DELLA VALLUGOLA PRENDEREMO UN DOLCE SENTIERO A SINISTRA CHE CI ACCOMPAGNERÀ SU UNA COLLINA.


SENTIERO CHE CI PORTERÀ SULLA COLLINA
DOPO POCO MENO DI UN MINUTO SAREMO SU UNA COLLINA CHE CI REGALERÀ UNA VISTA STUPENDA SU TUTTO IL PARCO.
SUBITO DOPO IMBOCCHEREMO UN ALTRO SENTIERO IN MEZZO AL BOSCO CHE CI PORTERÀ VERSO VIA VINCOLUNGO.
VIA VINCOLUNGO SARÀ DEDICATA AL SOLO PASSAGGIO DEI NOSTRI RUNNER. GRAZIE AL SOSTEGNO DELL’ENTE PARCO, POLIZIA MUNICIPALE E COMUNE DI PESARO, PER QUEL GIORNO, SARÀ INTERDETTA AL TRAFFICO.
ALLA FINE DI VINCOLUNGO ARRIVEREMO SULLA STRADA PANORAMICA SP44 E DAVANTI A NOI SI APRIRÀ IL FANTASTICO SCENARIO DEL NOSTRO MAR ADRIATICO.
PERCORREREMO LA STRADA PANORAMICA PER POCHI METRI. SUBITO DOPO IMBOCCHEREMO UN ALTRO PERCORSO BOSCHIVO E PANORAMICO.
ADATTO A CHIUNQUE, PASSEGGINI COMPRESI, CI RIPORTERÀ VERSO L’AREA ARCHEOLOGICA DEL COLOMBARONE.
LUNGO IL PERCORSO DI RITORNO PASSEREMO VICINO ALLA MADONNA DEL MULINO. UN LUOGO INCANTEVOLE, NASCOSTO FRA GLI ALBERI.

RISERVA DEL SECCHIA: UN GRANDE SUCCESSO!

Domenica 7 aprile, presso i Laghi Curiel di Campogalliano, si è svolta la seconda tappa del tour nazionale Run For School: la camminata a sostengo delle scuole.

Partenza della camminata

Un evento unico nel suo genere che sta ottenendo importanti risultati in fatto di partecipazione oltre ai tanti commenti positivi da parte di chi partecipa. Basti guardare la pagina Facebook e Instagram del progetto per leggere commenti e recensioni di apprezzamento dedicati alla filosofia di questa iniziativa che sta attraversando parchi e riserve naturali italiane.

Partita da Torino il 31 Marzo dove ha registrato il SOLD OUT con oltre mille partecipanti la Run For School è arrivata a Campogalliano domenica 7 aprile. Una giornata che si prospettava nuvolosa ha visto invece il tempo volgere al meglio regalando una mattina di sole ai suoi 350 partecipanti. Tutti i partecipanti si sono potuti preparare alla camminata con un riscaldamento muscolare a tempo di salsa e bachata grazie alla scuola di ballo Gò Latino di Carpi. Un modo per rompere il ghiaccio e creare un clima di festa. Un risultato di partecipazione di cui il suo organizzatore si ritiene molto soddisfatto: “Siamo felici di aver avuto così tanti partecipanti ma i numeri non ci interessano. Quello che ci regalano, in termini emotivi, queste famiglie va ben oltre. Siamo riusciti a far passare un concetto che è qualcosa di strepitoso e di unico a livello nazionale. Basti leggere i dati:

1) Abbiamo lanciato un messaggio di ecosostenibilità generando ZERO RIFIUTI

2) Rispetto per la natura: le centinaia di persone che partecipano alla Run For School lasciato il Parco esattamente come lo hanno trovato, pulito e senza una cartaccia in giro.

3) NO PLASTICA: grazie ai bicchieri durevoli abbiamo messo al bando i bicchieri monouso.

4) NO BOTTIGLIE D’ACQUA: solo il 14% delle bottiglie d’acqua viene riciclato. Il restante 86% finisce negli oceani. Grazie ai nostri bottiglioni con rubinetto il beverage alla Run For School è a ZERO IMPATTO AMBIENTALE.

5) Inclusione: una festa per la scuola, una festa per le famiglie. Centinaia di persone passeggiano contente in un parco naturale, lontane dal caos, rilassate, sorridenti e felici di poter stare insieme ai propri amici e alla propria famiglia.

6) No cellulare:le persone che partecipano alla camminata mettono il cellulare in modalità aereo.

7) No fumo: alla Run For School è vietato fumare prima, durante e dopo la camminata.

Da tutto questo i bambini traggono un grande insegnamento: salute, benessere, rispetto per la flora e la fauna che ci circondano e vivono un momento di assoluta armonia con i propri genitori ed amici, un momento di inclusione con persone di culture ed etnie diverse, una giornata di aggregazione unica e dai sani valori ambientali, sportivi e salutari.”

Il proseguo del tour promette bene: prossima tappa 5 maggio Parco San Bartolo a Pesaro che segna già più di 900 iscritti, 12 maggio Riserva di Parma Morta a Mezzani, 19 Maggio parco del Mincio a Mantova e il 26 maggio Riserva Fluviale Regionale del Trebbia a Rivergaro, Piacenza.

Progetto sostenuto dal Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con deleghe a Famiglia e Disabilità del Governo Vincenzo Zoccano “Lo sport è vita, lo sport è inclusione: è componente importante di tutti noi, perché ognuno, può trovare, nell’attività sportiva, il proprio equilibrio, lo spazio giusto in cui sentire di far parte di una comunità. Niente più sport “dedicati” alle Persone con Disabilità, ma sport di tutti e per tutti, indistintamente e nel pieno rispetto delle peculiarità di ognuno. Le iniziative come Run For School, che coinvolgono la scuola, sono fondamentali tasselli nella costruzione di una società senza più differenze. I ragazzi possono insegnarci molto”, da partner come Franco Cosimo Paniniche, insieme al WWF, ha donato migliaia di quaderni e matite per i partecipanti e da Perfetti (VIgorsol)azienda impegnata già su altri progetti a difesa degli spazi verdi come quello legato al FAI.

Evento organizzato con l’aiuto della Polisportiva di Campogalliano e con il supporto del Comune di Campogalliano.

Foto di gruppo